Pietre miliari della storia del cinema

Ci sono opere d’ingegno che meritano di essere ritenute fondamentali per l’umanità e che attraversano gli anni mantenendo la loro freschezza , il loro potere visionario , il loro carattere estetico . Si tratti di libri, quadri, dischi o film. Tra questi ultimi va assolutamente menzionato A bout de souffle (Fino all’ultimo respiro) opera prima di Jean Luc Godard del 1960 che fissa per sempre sulla pellicola il piglio sfrontato, il sex appeal malandrino, le movenze spigliate di Jean Paul Belmondo. Antieroe seducente e romantico, sognatore, piccolo criminale divenuto omicida per errore, condannato alla fuga, ma vittima dell’amore. Impossibile dimenticare il gesto intrigante del pollice che sfiora le labbra, le sigarette penzoloni da un lato della bocca, la camminata dinoccolata con le mani in tasca, la guida sportiva, lo sguardo impertinente e audace. Di fronte a lui Jean Seberg ingenua eppure affascinante con il suo taglio di capelli androgino e gli outfit sbarazzini, inconsapevole femme fatale che prima lo denuncia e poi lo avverte per costringerlo a fuggire. La macchina da presa li segue insistente, gli sta addosso, le inquadrature sono strette, i primi piani predominanti, gli interni prevalgono sugli esterni. Girato in soli 23 giorni Godard ,al suo esordio, con questo film ci offre una regia asciutta volutamente distaccata, cronachistica delineando i canoni di quella che sarà la nuova grammatica filmica della Nouvelle Vague. E come accade spesso ai capolavori c’è un remake pronto dietro l’angolo e anche questo film non fa eccezione. Nel 1983 Jim McBride tenta con “Breathless di doppiare l’inimitabile pellicola francese, attualizzandola e ambientando la vicenda a Los Angeles. Richard Gere (già noto e acclamato più come sex-simbol che come attore) nel ruolo del protagonista e la giovane Valerie Kaprisky in quello della sua amante,  prima interpretazione di rilievo della sua carriera.  

Articolo scritto da: difra01

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...